A seguire un breve elenco delle domande più comuni all’utilizzo dei nostri prodotti. Clicca sulla domanda per interagire.

Se non trovi una risposta alla tua domanda ti invitiamo a scriverci un messaggio nel modulo contatti.

FAQs

È possibile. Se durante, oppure immediatamente dopo l’applicazione del prodotto, le condizioni di umidità relativa dell’aria divengono critiche, cioè superano il 65/70%, il processo di essiccazione può subire un notevole rallentamento con conseguente possibilità di diminuzione della brillantezza finale del film ad essiccazione ultimata.

In linea di principio non esiste una “stagione migliore”. Si può tinteggiare in qualsiasi stagione, ma vanno tenute in conto, sempre, le condizioni di temperatura e umidità dell’aria nelle quali si opera.
Soprattutto utilizzando prodotti all’acqua, bisogna evitare di applicarli a temperature sotto ai 10 °C. Per un’ottimale essiccazione l’umidità relativa dell’aria dovrebbe essere del 65÷70%.
Ma anche elevate temperature dell’ambiente (oltre i 30°C), come anche della superficie da trattare, possono influenzare negativamente il processo di essiccazione corretto del prodotto.
In linea di principio occorrerebbe evitare, nelle stagioni fredde, di tinteggiare locali o pareti all’aperto in orari nei quali il prodotto potrebbe addirittura gelare. Nelle stagioni calde, invece, andrebbe evitato di svolgere operazioni di tinteggiatura nelle ore di massima insolazione o, addirittura, su pareti esposte direttamente ai raggi solari.
Sempre, e in ogni caso, va evitata la tinteggiatura durante, o immediatamente dopo, periodi di grande piovosità e, all’opposto, in periodi di forte ventosità.

In genere sì. La condizione di sovraverniciabilità è relativa alle condizioni di essiccazione della pellicola di prodotto che s’intende sovraverniciare.
Per effettuare qualsiasi sovraverniciatura la condizione necessaria, salvo indicazioni specifiche presenti sull’etichetta della confezione, è che il prodotto da sovraverniciare sia completamente essiccato anche in profondità e non solo asciutto al tatto.

I prodotti Risanamur seguono rigide normative ambientali che impediscono l’uso di additivi e sostanze che, impedendo la formazione di funghi e batteri, risultano però nocivi alla salute.
Il modo migliore per conservare prodotti che non risultano “protetti” da questi additivi è quello di difenderli dal loro nemico principale quando sono chiusi in un barattolo: l’ossigeno. Occorre quindi limitare il contenuto di aria presente nel barattolo riempiendolo il più possibile, eventualmente utilizzando contenitori più piccoli.

Tutti i nostri prodotti sono realizzati esclusivamente in Italia presso il nostro impianto in Cicerale (SA). Chi acquista i nostri prodotti ha la sicurezza che esse sono prodotte con tecnologie che rispettano l’ambiente, utilizzano materie prime eccellenti e sicure, garantendo inoltre le migliori condizioni di lavoro possibili.

L’ambiente è un bene prezioso e soprattutto comune. Noi di Risanamur ne siamo consapevoli ed è per questa semplice ragione che tutti i nostri sforzi sono tesi al rispetto dell’habitat in cui viviamo. Per questo motivo abbiamo costantemente legato la nostra produzione e la ricerca tecnologica ad una rigorosa politica di rispetto ambientale che influenza tutto il nostro modo di pensare, di operare, di essere “ecologici”.